Un weekend in Valle d'Aosta

UN WEEKEND IN VALLE D'AOSTA TRA CASTELLI E NATURA

Poppackers - logo

#ITALIA #WEEKEND #VALLEDAOSTA

Se ti è piaciuto il nostro blog...


Castello di Fenis

Dopo aver a lungo parlato di Giappone è arrivato il momento di variare un po' l'argomento dei nostri post e per farlo ci spostiamo in un luogo vicino, molto vicino a casa nostra: la Valle d'Aosta. Per chi, come noi, abita in Lombardia un weekend in Valle d'Aosta può essere un'ottima idea per perdersi tra i monti più importanti d'Europa e visitare splendidi castelli e rocche medievali ottimamente conservate. 

 

In questo articolo vi forniremo l'itinerario del nostro weekend in Valle d'Aosta: breve ma intenso e molto piacevole.

Weekend in valle d'aosta: itinerario

Il nostro weekend in Valle d'Aosta è cominciato presto al Sabato ( partenza da Monza in primissima mattinata ) e come prima tappa di giornata ci siamo concentrati sul Forte di Bard, che svetta a fianco dell'Autostrada appena entrati in Valle d'Aosta. La seconda tappa di giornata, prima di pranzo, è stato il Castello di Verres, con visita guidata, seguito da un pranzo veloce nel piccolo ed omonimo comune. 

Nel pomeriggio sosta all'imponente Castello di Fenis, anche questo con visita guidata, e poi via verso Aosta dopo una meritata pausa in albergo.

 

La Domenica abbiamo salutato Aosta e l'idea era quelle di immortalare il Monte Cervino dal Lago Blu, ma le avverse condizioni meteo ci hanno fatto desistere ( nebbia e neve ),  e così ci siamo diretti verso Gressoney Castel Savoia, anche in questo con visita guidata. Subito dopo pranzo abbiamo imboccato la strada di casa fermandoci per una breve sosta fotografica nel paesino di Fontainemore, ultima tappa del weekend in Valle d'Aosta.

 

weekend in valle d'aosta: come spostarsi

La cosa che contraddistingue la Valle d'Aosta rispetto ad altre zone montane di Lombardia e Trentino è la facilità con può essere raggiunta e la relativa vicinanza di tutte le principali attrazioni. Imboccando l'autostrada in poco più di un'ora senza traffico si raggiunge il Forte di Bard. Da lì ad Aosta, poi sono altri quaranta minuti e lungo il tragitto trovate il Castello di Verres e quello di Fenis. 

Anche le strade secondarie che si diramano dall'autostrada sono in ottime condizioni e molto scorrevoli.

 

Vista la facilità con cui ci si può muovere, ripeteremo sicuramente l'esperienza di un weekend in Valle d'Aosta sperando in un meteo più clemente di quelle che ci ha accompagnato in Febbraio.

 



un weekend in valle d'aosta: dove dormire

Noi abbiamo optato per l' hotel La Meridiana a Saint Pierre, a 5 minuti di macchina da Aosta. Si tratta di un hotel di charme 4 stelle con camere davvero confortevoli e una colazione ottima: dolce, salato, confetture fatte in casa, ottimi formaggi e salumi ... per cominciare nel miglior modo la giornata. 

Anche la posizione è ottima perché essendo al centro della Valle d'Aosta consente di raggiungere tutte le principali attrazioni in giornata.

 

Abbiamo pagato € 115 per una notte, colazione esclusa. La colazione costa € 15 a persona.

 

Booking.com

un weekend in valle d'aosta: cosa vedere

il forte di bard

La prima tappa del nostro weekend in Valle d'Aosta è stato il Forte di Bard, ben visibile già dall'autostrada A5 ( uscita Pont-Sanit-Martin per chi viene da Torino ). Il Forte di Bard domina, infatti, il corso della Dora Baltea arrampicandosi su un promontorio roccioso alto circa 400 metri. Questa posizione sopraelevata ha reso da sempre Bard un punto strategico nel controllo e nella gestione del territorio, tanto che i primi insediamenti risalgono al V o VI secolo. 

 

La struttura attuale risale al 1830 quando Carlo Felice di Savoia fece ricostruire il Forte di Bard ampliandolo a scopo difensivo; il risultato è che il Forte di Bard rappresenta uno dei migliori esempi di fortezza di primo Ottocento ed oggi è stato adibito ad importante polo museale da parte della regione.

 

Orari: il Forte di Bard è aperto tutti i giorni dalle 10 del mattino, ma le varie mostre interne hanno orari di apertura differenti. Le Prigioni del Forte ( piccolo museo dove si racconta la storia del posto ) aprono a partire dalle 11. Il Museo delle Fortificazioni apre dalle 10, così come le mostre temporanee. Per maggiori informazioni ecco controllate però gli orari direttamente dal sito del Forte di Bard.

 

Tariffe: Anche per quanto riguarda le tariffe molto dipende da quali musei/mostre volete visitare. Come per gli orari, vi conviene dare un'occhiata direttamente al sito del Forte.

 

Il Forte di Bard

il castello di verres

Poco lontano dal Forte di Bard ( a soli 10 chilometri ), il Castello di Verres è stata la seconda tappa del nostro weekend in Valle d'Aosta. Anch'esso posizionato su un promontorio roccioso sopra l'omonimo comune, il Castello di Verres è un bellissimo esempio di castello monoblocco ( sembra proprio un cubo ) costruito con funzione difensiva nel XIV secolo. Il castello si può visitare solamente con un tour guidato di circa 45 minuti davvero interessante che vi farà scoprire i vari ambienti del maniero e le logiche di difensiva all'avanguardia per il tempo. Gli interni sono spogli, privi di mobilio o affreschi, ma il cortile con il suo scalone monumentale è davvero affascinante.

 

Per raggiungere il Castello di Verres dalla strada è necessario percorrere una mulattiera abbastanza ripida ma comunque molto semplice per cui scarpe comode e occhio a non scivolare in caso di pioggia. ( Chi viaggia con disabili avrà purtroppo difficoltà a raggiungerlo ).

 

Orari: da Ottobre a Marzo ( 10 - 13; 14 - 17 ); da Aprile a Settembre ( 9 -  19 ).  Chiuso il lunedì.

 

Tariffe: la visita guidata costa solamente € 3 e ne vale davvero la pena. Volendo i biglietti per il Castello di Verres si possono acquistare on-line con indicazione prenotando l'orario della visita guidata. 

Il Castello di Verres

Il Castello di Fenis

Dopo un pranzo veloce a Verres, potete proseguire la scoperta dei castelli della Valle d'Aosta con il Castello di Fenis, uno dei più famosi, se non il più famoso, di tutta la regione. 

Per raggiungerlo da Verres basta tornare sull'autostrada e uscire Nus seguendo le indicazioni per il monumento, ci impiegherete 25/30 minuti.

 

Il Castello di Fenis è il più classico esempio di castello medievale con la sua doppia cinta muraria merlata, le sue numerosi torri ed il bellissimo cortile centrale. Così come quello di Verres, anche il Castello di Fenis è visitabile esclusivamente con un tour guidato della durata 50 minuti/un'ora che vi porterà a scoprire i vari ambienti del maniero che internamente conserva bellissimi affreschi e decorazioni oltre a presentare del mobilio di epoca medievale sebbene non originale del castello.

Tra quelli visti durante il nostro weekend in Valle d'Aosta il Castelo di Fenis è stato sicuramente il più affascinante e vi consigliamo d non perdervelo. 

 

Orari: da Ottobre a Marzo ( 10 - 13; 14 - 17 ); da Aprile a Settembre ( 9 -  19 ).  Chiuso il lunedì.

 

Tariffe: il biglietto d'ingresso costa € 7 ma li vale ampiamente. Essendo uno dei monumenti più visitati di tutta la regione forse vi conviene prenotare la visita guidata soprattutto se andate nel weekend. 

Le torri del Castello di Fenis

AOSTA

Dopo il Castello di Fenis si arriva ad Aosta nel pomeriggio inoltrato. Aosta è un cittadina piccolina con un centro grazioso ed interessanti vestigia romane a cui si potrebbe dedicare un'intera giornata. In un weekend a tema castelli è chiaro che la visita del capoluogo di regione risulta un po' sacrificata, ma in 2/3 ore si può comunque fare un bel giro a piedi di tutti i principali luoghi di interesse a partire dall'Arco di Augusto del 25 a.C., vicino al quale provare a parcheggiare l'auto ( nelle ore serali non si paga  ). 

Potete poi proseguire lungo la pedonale e piacevole Via Sant'Anselmo tra negozietti e bar prima di raggiungere l'incredibile Porta Pretoria, anch'essa risalente al 25 a.C ed in perfetto stato di conservazione. Poco più avanti potete trovare l'ufficio del turismo di Aosta e girando sulla destra in una delle traverse potrete ammirare i resti dell'antico Teatro Romano di Aosta. 

In breve si raggiunge Piazza Emile Chanoux, dall'atmosfera elegante e sabauda, dove spicca il pregevole e neoclassico Hôtel de la Ville incorniciato tra le Alpi. 

Ultima attrazione da visitare è la Cattedrale, un crogiolo di stili differenti vista la storia millenaria di questo luogo di culto.

 

Prima di cena potete passeggiare ancora per le vie centrali senza una meta particolare respirando la fresca e frizzante aria di montagna, oppure potete sedervi in un bar per un vin brulé o un tè caldo.

Arco di Augusto ad Aosta

Castel Savoia a gressoney

Come vi abbiamo anticipato, il nostro progetto prevedeva una visita nella Valtournenche per immortalare lo spettacolo del Monte Cervino che si specchia nel Lago Blu, ma il meteo avverso ci ha costretto a deviare il nostro tragitto e anticipare alla mattina la visita dell'ultimo castello del nostro weekend in Val d'Aosta: Castel Savoia a Gressoney. 

Situato a circa 80 chilometri da Aosta, per raggiungere Castel Savoia dal capoluogo dovrete prendere l'autostrada in direzione Torino ed uscire a Pont-Saint-Martin e imboccare la Strada Regionale 44.

 

Avete presente i castelli delle fiabe? Ecco quello che sembra Castel Savoia, una residenza piuttosto recente perchè voluta espressamente dalla Regina Margherita alla fine del XIX secolo e completata nel 1904. Gli interno sono tutti originali e davvero meravigliosi, spettacolare lo scalone monumentale con gli affreschi che riportano gli emblemi di Casa Savoia, ampia e maestosa la sala da pranzo.

Anche Castel Savoia si può visitare solamente tramite visita guidata e, ancora una volta, vi consigliamo ampiamente di farlo perché il tour si è dimostrato davvero interessante.

 

Orari: da Ottobre a Marzo ( 10 - 13; 14 - 17 ); da Aprile a Settembre ( 9 -  19 ).  Chiuso il lunedì.

 

Tariffe: il biglietto costa solamente € 5. Anche in questo caso potete pensare di prenotare la visita in anticipo comprando i biglietti online.

Castel Savoia

Dopo un pranzo a Gressoney si imbocca la strada di ritorno, fermandosi per qualche scatto nel bel paesino di Fontainemore costruito lungo il torrente Lys.

 

Si conclude così una bella due giorni in Valle d'Aosta, una regione adatta a tutte le stagioni che sicuramente torneremo a visitare sperando in un meteo più amichevole.



Poppackers in front of the ininity

" EVERY LONG JOURNEY BEGINS WITH A SINGLE STEP "

poppackers - facebook
poppackers - instagram

Se ti piace il nostro blog... 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

LOMBARDIA