Scozia - Isola di Skye

2 giorni in una natura impervia, cupa e violenta



Skye - Il Quiraing

Onestamente è abbastanza complesso descrivere l'Isola di Skye a parole, considerando che anche le immagini non riescono a rendere l'impatto della Natura. Federica, in un lampo di genio letterario, la ha definita un'isola: impervia, cupa e violenta e, probabilmente, questi tre aggettivi riassumono molto bene le caratteristiche di Skye. Skye, infatti, non è il paradiso terrestre, non è il posto dove vorresti vivere in relax, non è il baracchino sulla spiaggia caraibica ... Skye è spazzata dal vento e dalle nuvole, che si muovono basse e rapide lambendo le case, Skye ha scogliere ruvide che si gettano a picco nel mare e strade impervie che vi si arrampicano sopra, Skye ha montagne cupe e scure! Eppure, proprio per tutti questi motivi ... Skye è un sogno, è il luogo dove la Natura sa essere meravigliosa nella sua complessa durezza!



Dove Dormire


Sull'Isola di Skye di sicuro non mancano i b&b ... ce ne sono ovunque, nelle cittadine, così come in posti remoti. Portree è senza dubbio il paesino più conosciuto, più carino e rappresenta una buona base di partenza per visitare tutte le attrazioni principali. Una buona alternativa è rappresentata da Dunvegan, micro paesino nella parte nordoccidentale dell'isola a circa mezzora da Portree, dove abbiamo alloggiato per le due notti del nostro viaggio.

Più di preciso ci sentiamo di consigliarvi caldamente il The Tables Guest House, che si è rivelato un dei migliori alloggi di tutto il nostro road trip. Camera davvero accogliente e pulita, davvero bella la doccia ( con scaldabagno elettrico ) e molto carina la veranda dove ogni mattina viene servita la colazione. Vogliamo parlare della colazione ( inclusa nel prezzo ) ? Ottima! Provate i toast con formaggio fuso e cipolle caramellate!

Prezzo a camera per notte: 94 sterline ( Giugno 2017 ).


Clima


Fare previsioni sul meteo di Skye è come contare quanti granelli di sabbia ci sono in una spiaggia ... impossibile! Il vento soffia potente dall'Oceano Atlantico portando con sé nuvole che viaggiano ad una velocità mai vista ... e così il tempo cambia in continuazione! Sole, poi, dopo 5 minuti, pioggia battente, poi nebbia e infine di nuovo sole! La sola cosa che non cambia è la bellezza dell'isola che è in grado di stupire con qualunque condizione meteorologica. Di conseguenza portate sempre con voi una mantellina impermeabile e scarpe adatte.


Quanti giorni


Partiamo da un punto fermo: un viaggio in Scozia non sarà mai completo se non comprende un tappa nella splendida Isola di Skye! La questione quindi diventa: quanto tempo dedicare a questo posto al tempo stesso selvaggio e mansueto?

 

La risposta, come sempre, è: dipende! Dipende da voi e da quello che volete fare ... Se pensate ( come noi ) di girare l'isola in macchina fermandovi nei punti panoramici più belli o avventurandovi nei trekking più semplici ... allora 2 giorni possono andare bene. Se, al contrario, avete programmato di incamminarvi per chilometri e chilometri e siete amanti dei trekking ... allora potreste fermarvi anche una settimana intera, visto che le possibilità sono davvero molte e molto apprezzate.



Cosa non perdere a skye


Premesso che anche vagare senza una meta sulle strade di Skye è una bellissima esperienza viste le meravigliose strade costiere ed i bellissimi paesaggi collinari, di seguito vi riportiamo quello che secondo noi non dovete perdervi in una gita su questa isola.

 

Penisola del Trotternish 

Tutti i principali punti panoramici di Skye si trovano su questa penisola nella parte nord orientale poco sopra Portree. Famosissimo, anche se non ci ha fatto impazzire, è il The Old Man of Storr, formazione rocciose che domina la strada costiera sottostante. Come detto, dal basso è un po' deludente, ma dal parcheggio c'è un trekking ( Link ) di media difficoltà che porta fino ai piedi del monolite e probabilmente da lì è tutta un'altra storia.

Poco più a nord vi aspetta la Kilt Rock, un punto panoramico davvero stupendo dove la scogliera si getta a picco nel mare regalando un paesaggio magnifico. Perché si chiami Kilt Rock ... non l'abbiamo capito! Sembra che la fervida immaginazione degli scozzesi riesca a vedere nelle sfaccettature della scogliera le trame del loro amato indumento tradizionale.

Poco più a nord potete imboccare la deviazione che vi porterà nel maestoso ed imponente Quiraing, una catena montuosa davvero meravigliosa attraversata da una single track road che unisce Staffin e Uig. A nostro avviso è molto più bello percorrere tale strada in direzione contraria ( da Uig a Staffin ) perchè il panorama si apre all'improvviso in modo totalmente inaspettato. Chi volesse può pensare di affrontare un trekking all'interno del Quiraing, dicono sia molto bello ma anche molto complicato ( Link ).

Infine nell'estremo nord potete trovare i resti del Duntulum Castle abbarbicati su una scogliera che si getta a picco nel mare. Anche in questo caso il panorama è davvero spettacolare, così come straordinaria è stata la forza del vento che abbiamo trovato.

Portree

All'imbocco della Penisola del Trotternish si trova Portree, il centro abitato principale di tutta l'isola, famoso per i suoi cottage dai colori vividi che si affacciano sul porticciolo. Stiamo parlando di un paese di poco più di 2000 abitanti visitabile in un'ora, però l'atmosfera che regna è davvero molto piacevole. Se volete mangiare qui la sera ... prenotate! I ristoranti sono praticamente tutti pieni!

Dunvegan Castle, Neist Point e Coral Beaches

Ad Ovest del Trotternish si trovano due ulteriori piccole penisole: il Vaternish ed il Duirnish. Qui abbiamo trovato quello che secondo noi è il posto più bello di tutta l'isola: Neist Point. Sebbene poco reclamizzato dalla Lonely Planet, in realtà è un dei punti in cui abbiamo percepito di più lo splendore di Skye ... il faro situato su un promontorio roccioso che avanza nell'Oceano e dietro le scogliere aspre e rocciose. Magnifico. Un sentiero molto semplice porta dal parcheggio al faro ( link ). 

Altra passeggiata semplice e piacevole è quella che porta alle Coral Beaches vicino Claigan. Il contrasto tra il vedere dei prati, il bianco della spiaggia e le diverse gradazioni di azzurro del mare è molto affascinante ... detto questo è un posto piacevole ma se siete di fretta potete saltarlo.

Infine Dunvegan, una paesino che di fatto è una via, ma ha la fortuna di godere di una bella vista sulle Table Mountains, che in qualche modo richiamano La Table Mountain sudafricana, e di sorgere a pochi chilometri dal Dunvegan Castle... in realtà tra i vari castelli di Scozia questo è quello che ci ha colpito meno soprattuto per via del rapporto qualità prezzo. Per quanto la struttura possa essere interessante esternamente, per quanto passeggiare nei giardini possa essere piacevole, £ 13 ci sembrano davvero un po' esagerati.

Sligachan e le Cuillin Mountains

Uno dei punti maggiormente fotografati e più fotogenici dei tutta l'isola si trova nei pressi di Sligachan nel cuore di Skye dove un vecchio ponte in pietra è il perfetto soggetto di foto rese spettacolari dalla presenza delle Cuillin Mountains.

Nella zona ci sono diversi sentieri che consentono di avventurarsi tra i paesaggi dei Cuillin, tra questi quello più famoso è quello che porta alle Fairy Pools ( Link ).


fede & marco

Poppackers in front of the ininity

" EVERY LONG JOURNEY BEGINS WITH A SINGLE STEP "



facebook


instagram


scopri di più sulla SCOZIA

Scozia - Castello di Inverness
Scozia - Calton Hill ad Edimburgo

scozia - itinerari

Scozia - Highlands

VIAGGIA CON NOI




E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. 

E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Copyright © 2010 - 2017 Poppackers Travel Blog by Federica Sala & Marco Muzii. All rights reserved